Foodstyling

È lo styling che conta: pasti allestiti con maestria

Oltre alla giusta composizione ed esposizione, naturalmente anche uno styling adeguato al pasto è imprescindibile per distinguersi dalla massa. Vi riveliamo alcuni semplici trucchi e dritte con cui potete allestire con maestria il vostro cibo e creare delle composizioni invitanti.

Lo styling adatto alla rispettiva occasione

Abbiamo parlato di fotografia del cibo, composizione e diverse tecniche che rendono le vostre foto uniche. Ma la cosa più importante è che il motivo principale, quindi il cibo stesso, abbia un aspetto succulento e invitante: dopo tutto si tratta del food styling, un lavoro eseguito da una persona in possesso di esperienza culinaria, elemento che deve riflettersi anche nelle foto. Nella mia collaborazione con i clienti mi trovo a collaborare spesso anche con altri food stylist e discutiamo di ogni pasto fin nei minimi dettagli per riuscire a comprendere meglio cos’è che vogliamo mostrare con le foto.
Per la maggior parte del tempo mi occupo da sola dello styling del cibo, è molto divertente e rappresenta la parte creativa del mio lavoro. Non eliminerei questa parte per niente al mondo. La fotografia, la composizione e lo styling devono essere armonizzati e creare insieme un tutto allettante e l’uno non esiste senza l’altro.

Foodstyling
Foodstyling

Già senza guarnizione ha un bell'aspetto, ma con il giusto styling il motivo principale viene valorizzato ancora di più

Foodstyling
Interazione magistrale di forme, colori e consistenze

Detto in poche parole, food styling significa cucinare e mettere insieme pietanze e ingredienti. Per quanto possa sembrare semplice, spesso può risultare anche complicato. La logica che sta alla base è diversa da quella che seguite quando cucinate per la famiglia. Sono sicura che il cibo che preparate a casa sia delizioso ma avrebbe un bell’aspetto anche su una foto? All’osservatore verrebbe l’acquolina in bocca?
Il food styling è soprattutto anche un processo di apprendimento. Dovete imparare a vedere il piatto attraverso l’occhio dell’osservatore e a comprendere meglio il cibo stesso. Il food styling è un’arte dal fascino culinario. Quando si parla di cibo, tutto ruota intorno al gusto e all’odore ed è proprio questo che deve trasmettere la presentazione che per l’appunto deve fare a meno di questi due componenti. Se quindi combinate correttamente colore, forma e composizione, ne deriva uno styling appetitoso che mette in risalto l’unicità del cibo.

In che modo con un paio di semplici dritte riuscite a distinguervi dalla massa o a raccontare una storia, ve lo mostro sulla base dei due seguenti esempi.

Styling della pasta

La pasta è estremamente varia e piace quasi sempre e a tutti. Lo styling della pasta è tanto divertente quanto il cibo in sé e la preparazione. Gli spaghetti lunghi, i fusilli attorcigliati oppure i ravioli rotondi sono tutti squisiti a modo loro e hanno caratteristiche uniche.

Foodstyling
I diversi tipi e piatti di pasta offrono una scelta pressoché illimitata di possibilità per il food styling

In tutto questo è importante osservare una cosa molto importante: non cuocete la pasta troppo a lungo bensì fino a quando non è al dente. È la cosa migliore per lo styling. Raffreddate gli spaghetti sempre in acqua fredda per rimuovere l’amido e successivamente mescolatela con un po’ di olio per evitare che si appiccichi.
Se vi state occupando dello styling degli spaghetti, non li mischiate al sugo. La cosa migliore da fare è versarci sopra il sugo a gocce poco prima di scattare la foto. Naturalmente la pasta in genere viene accompagnata dal formaggio. Il formaggio fresco grattugiato conferisce alla pasta movimento e consistenza esattamente come le erbe aromatiche, le verdure oppure le noci.
È inoltre possibile fare delle ottime foto della pasta quando questa viene preparata insieme al sugo in una grande pentola oppure in una padella. Ciò trasmette una sensazione rustica, autentica.

Foodstyling
Per una sensazione rustica, autentica la pasta viene fotografata con il sugo nella pentola

Potete però anche stratificare la pasta come piace fare a me con i ravioli. Ciò funziona soltanto con pezzi più grandi e l’aggiunta di erbe aromatiche e un po’ di sugo è fondamentale.

Foodstyling
I ravioli stuzzicano l’appetito quando vengono stratificati

Invece di uno styling insolito potete creare un piatto di spaghetti dall’aspetto molto bello facendo esperimenti con stoviglie e posate speciali. Le erbe aromatiche e il formaggio sono sì presenti ma lo styling risulta più rilassato.

Foodstyling
Qui le stoviglie rappresentano una cornice attraente per il piatto

Raccontare una storia con del pane / sandwich

Anche il pane e i prodotti da forno si presentano in grande quantità e si prestano particolarmente bene a raccontare storie.
Il pane e i prodotti da forno sono disponibili in tutte le forme e le dimensioni possibili e offrono una consistenza meravigliosa sia dentro che fuori. Ciononostante, al più tardi dopo la cinquantesima foto lo styling del pane può risultare un po’ impegnativo.

Foodstyling
La preparazione del pane può offrire motivi attraenti

La scelta evidente è quella di lasciare il pane innanzitutto intero e di realizzare lo styling solo con un po’ di farina. Avete tuttavia molte altre possibilità per realizzare lo styling del pane in maniera tale che risulti invitante e che all’osservatore venga l’acquolina in bocca. Tagliate una parte del pane a fette, dopo che si è completamente raffreddato e posizionate le fette in maniera invitante sul set. In questo modo consentite all’osservatore di guardare direttamente la consistenza dell’interno del pane.

Foodstyling
Una pagnotta di pane fresco ha un aspetto molto invitante anche quando è tagliata

Mettete diverse pagnotte di pane dello stesso tipo o di tipi diversi l’uno sull’altro e create strati di pane, con fette tagliate o diverse pagnotte.

Foodstyling
Il pane fa una bella figura anche sotto forma di pila

Naturalmente potete sempre richiamare l’attenzione su un ingrediente interessante o un ripieno del pane. Un ramo di oliva e le olive rendono ad esempio evidente che il pane raffigurato è ripieno di olive.

Foodstyling
Pane speciale con il suo ingrediente particolare allestito in maniera invitante

Quando si parla di pane, pagnotte di pane e sandwich con ripieno naturalmente non sono poi così lontani. Anche per il condimento e il ripieno scegliete sempre ingredienti di alta qualità in quanto la maggior parte dell’attenzione è rivolta agli strati di questi ingredienti. In questa fase gli ingredienti devono essere posti con cautela sul bordo del pane e dovete mostrare più salami, formaggio o verdure di quelli che in realtà utilizzereste in modo da raggiungere una certa altezza. In questo caso gli stuzzicadenti possono rivelarsi dei veri e propri salvatori in caso di emergenza, perché più alto è il sandwich che create, più esso diventa instabile. Gli stuzzicadenti aiutano a mantenere i singoli strati al loro posto. Non dimenticate però di rimuoverli prima di mangiare.

Foodstyling
Nel caso dei sandwich potete tranquillamente mettere anche un po’ più di carne o di formaggio

Con il pane e altri prodotti da forno è possibile raccontare delle belle storie. Create una scena con formaggio, prosciutto, frutta, erbe aromatiche, marmellata o qualsiasi cosa vi piaccia mangiare. Le aggiunte creano atmosfera e suscitano delle emozioni anche mentre si osserva la scena; esse vi portano addirittura in posti lontani, ad esempio in un picnic in Italia.

Foodstyling
Fa venire voglia di un pasto italiano in futuro

Vedete quindi, per uno styling esteticamente attraente non sono strettamente necessari oggetti di scena insoliti. È sufficiente iniziare con quello che avete in casa. In seguito, potete sempre ampliare il vostro repertorio. La cosa migliore da fare è cominciare con piatti e alimenti semplici come gli spaghetti descritti oppure con del pane e prodotti da forno: questi sono relativamente semplici da allestire e vi consentono di dare libero sfogo alla vostra fantasia e dispiegare appieno la vostra creatività.

Veronika Studer

Veronika Studer

Sin dalla prima infanzia nutro un grande interesse per l’arte figurativa. Pur dipingendo, disegnando e modellando, non avevo mai pensato di scegliere la fotografia come professione. Il tutto ha avuto inizio quando mi sono trasferita in Svizzera e ho dato avvio ad un foodblog. Avevo bisogno di qualcosa che mi tirasse su di morale: un progetto. Qualcosa sul quale avere il pieno controllo e che al contempo comportasse delle sfide.
Mi innamorai subito del mondo della fotografia del cibo e del food styling, per questo sono anche molto grata di poter unire le mie due grandi passioni nel lavoro che faccio.
Oggi lavoro come fotografa di cibo e lifestyle per riviste e diverse aziende dell’industria alimentare. Cerco sempre di dare vitalità alle immagini perché credo che ogni piatto contenente cibo racconti una storia. Mi faccio ispirare molto volentieri e cerco di affrontare il mondo con gli occhi aperti in quanto l’ispirazione può arrivare da molte parti impreviste.

Altri contributi