🚨 Black Friday Weekend: approfittate di grandi sconti fino al 28.11. 🚨

  • Un papà passeggia con il figlio sulle spalle davanti ad una cascata

    Consigli pratici per foto più belle

    Suggerimenti per realizzare foto migliori

    Una bella foto è caratterizzata soprattutto da una composizione gradevole. Una prospettiva straordinaria, uno stato d’animo particolarmente armonioso oppure un’emozionante gioco di colori, luci e ombre. Anche se molti errori possono essere corretti con programmi di editing delle immagini, questo non rende migliore una brutta foto. Ti mostreremo come scattare foto fantastiche, che faranno bella mostra di sé in salotto, camera da letto o in cucina e, grazie a queste foto che catturano l’attenzione, avrai sempre una storia emozionante da raccontare ai tuoi ospiti!

    Focus sul motivo principale

    Le immagini digitali possono essere ritoccate in molti modi. Ma solo in rari casi è possibile nascondere completamente i dettagli molto evidenti sullo sfondo. Pertanto, già durante lo scatto occorre prestare attenzione a eventuali fattori di disturbo dello sfondo. Se, ad esempio, si nota un elemento dominante, questo ruba la scena al motivo vero e proprio. In altre parole: mentre esegui lo scatto fai in modo che l’attenzione sia davvero puntata sul soggetto principale e non sia distolta da colori vivaci o oggetti di grandi dimensioni. Gli oggetti con un colore molto appariscente costituiscono il problema principale. Altri oggetti di grande impatto, che non spiccano in termini di colore, possono essere spinti ancora più in secondo piano dal gioco di nitidezza e sfocatura.

    Per mantenere a fuoco solo il soggetto principale e sfocare lo sfondo, è necessario aprire il diaframma per ridurre l’area nitida dell’inquadratura. Qui si applica il seguente principio: tanto più luminoso è l’obiettivo, tanto maggiore è l’effetto di sfocatura creato da questo rapporto focale minore.

    Mettere una persona nell’immagine come soggetto principale

    Nella maggior parte dei viaggi l’obiettivo fotografico è quello di immortalare i bei paesaggi e le attrazioni speciali come ricordi. Tuttavia, gli scatti che raffigurano le bellezze naturali e gli edifici straordinari da soli non bastano. Dopotutto vuoi anche far vedere che c’eri anche tu nella destinazione di viaggio. Quindi insieme all’attrazione o al paesaggio mozzafiato devi comparire anche tu o chi viaggia con te. Ti mostriamo le regole più importanti per collocare il soggetto principale nell’immagine.

    Andrai in vacanza quest’estate? Poi approfondiremo un po’ come immortalare i momenti migliori del tuo viaggio. Passa subito a trovarci!  

    Una donna con il suo zaino seduta davanti alle montagne

    Il rapporto aureo come regola di proporzione

    In linea di principio, è consigliabile rispettare il rapporto aureo per la collocazione del motivo principale. Il rapporto aureo è la divisione di una distanza in un rapporto di 61,8% e 38,2%. Questa proporzione è considerata particolarmente estetica perché è presente sia in natura, sia nell’uomo.

    Se questa regola di proporzione viene applicata sia sul lato lungo che su quello corto dell’inquadratura, rispettivamente da sinistra e da destra, si crea una griglia composta da quattro linee. Queste quattro linee creano a loro volta quattro intersezioni che fungono da guida per il corretto posizionamento. Il motivo principale dovrebbe quindi coprire o quanto meno toccare almeno uno o due punti di intersezione.

    Una variante semplificata di questa divisione è la regola dei terzi. Come già suggerisce il nome, qui i percorsi sono divisi in tre aree uguali, che creano anche una griglia. Il grande vantaggio della regola dei terzi è che questa griglia può essere visualizzata nel mirino e/o sul display nella modalità live view della maggior parte delle fotocamere digitali.

    Posizionamento centrale per cambiare

    A volte anche il centro può essere esattamente la posizione giusta. Ad esempio, alcuni percorsi che attraversano una città o un paesaggio, così come ponti, templi e altri edifici storici, hanno una certa simmetria in cui la persona può essere perfettamente allineata.

    Una donna fotografata nel centro di un ponte

    La giusta prospettiva per la fotografia

    Può essere emozionante fotografare un oggetto da una prospettiva completamente diversa. La prospettiva della rana o scatto dal basso è particolarmente adatta a luoghi con edifici alti o anche nei boschi. Il suo opposto è la prospettiva a volo d’uccello, in cui le fotografie sono scattate da molto in alto verso il basso. Soprattutto nell’era della fotografia con drone si apre una gamma di possibilità completamente nuova per utilizzare la vista dall’alto.

    Qui vi spieghiamo in dettaglio in cosa consiste la fotografia con il drone e come puoi iniziare tu stesso i tuoi primi tentativi di scatti dall’alto!  

    Palazzi fotografati dal basso

    Tuttavia, entrambe le prospettive possono creare linee spioventi in foto con edifici. Queste linee fanno sembrare un edificio inclinato in avanti o all’indietro. Questo effetto può essere utilizzato in modo intenzionale. È possibile evitare tali linee fotografando con l’oggetto ad altezza occhi. Tuttavia, se non è possibile assumere una tale posizione, le linee spioventi possono essere in parte corrette nella post-elaborazione delle foto.

    La regola più importante nella scelta della prospettiva è non avere paura di provare prospettive nuove e insolite. Perché spesso sono proprio le pose scomode che aiutano a creare le foto migliori e a dare loro quel tocco in più. Soprattutto le prospettive insolite stimolano lo spettatore a riflettere e stupirsi – quindi se ti è riuscita una simile foto, si tratta sicuramente dell’istantanea perfetta a cui dare un posto di rilievo in casa. L’alluminio Dibond, in particolare, fa risplendere i colori delle tue foto!

    Rendi viva l’immagine

    Chi desidera ottenere foto vivaci, non deve sovraccaricare artificialmente il soggetto. Fai piuttosto scatti mirati quando se ne presenta l’occasione. Soprattutto quando si fotografano le persone, è importante che la situazione non sia eccessivamente in posa. Quindi tieni sempre d’occhio il motivo del tuo sfondo preferito e la persona. Non di rado il compagno di viaggio si trova proprio nel punto panoramico giusto e ammira i dintorni. Quello è esattamente il momento giusto per premere il pulsante di scatto. Solo in questo modo lo scatto appare naturale, spontaneo e vivace, perché solo raramente lo sguardo diretto alla fotocamera sembra autentico.

    Per poter reagire abbastanza in fretta e cogliere il momento, è necessario un tempo di esposizione piuttosto breve. Questo tempo dovrebbe essere di 1/125 secondi o inferiore. Tuttavia, un tempo di esposizione breve richiede una luce ambientale sufficiente. Se il tuo obiettivo è comunque quello di mettere la persona al centro dell’attenzione, puoi spalancare il diaframma dell’obiettivo. Questo crea il già citato effetto di sfocatura. Assicurati che la messa a fuoco della fotocamera sia focalizzata sul soggetto, in modo che l’inquadratura sia effettivamente nitida e che solo lo sfondo sia sfocato.

    Se la luce ambientale non è sufficiente, nonostante il diaframma aperto, è possibile aumentare il valore ISO. Soprattutto le fotocamere moderne sono in grado di scattare foto senza fare rumore anche con valori ISO più elevati. Tuttavia, fai sempre attenzione quando aumenti questo valore e guarda la prima foto ingrandendola prima di scattare altre istantanee.

    Per i soggetti immobili, come paesaggi ed edifici, il fattore luce ambientale non è così problematico. Con l’aiuto di un treppiede, puoi provare con calma diverse impostazioni fino a ottenere lo scatto perfetto. Grazie al treppiede, i lunghi tempi di esposizione non sono un problema, ad esempio per scattare una foto del tutto nitida con un diaframma chiuso. Negli scatti puramente paesaggistici, particolari atmosfere luminose come l’ora blu o quella dorata, contribuiscono a ravvivare gli scatti. Allo stesso modo, il controluce e i riflessi sul diaframma aggiungono il tocco finale a un paesaggio.

    Desideri saperne di più sulla fotografia con atmosfere luminose? Allora continua a leggere qui!  

    L’uso corretto del flash

    Un altro errore commesso spesso è l’uso scorretto del flash incorporato. Per fotografare gli edifici non c’è bisogno di usare il flash incorporato nella fotocamera, perché questo non può illuminarli. È quindi meglio utilizzare un tempo di esposizione più lungo e un treppiede.  D’altra parte, dovresti sempre usare il flash quando fotografi le persone in controluce per poterle poi anche riconoscerle in seguito.

    Utilizza a questo scopo uno dei programmi semiautomatici, come il programma automatico (P), il diaframma automatico (S o Tv), il timer automatico (A o Av) o la modalità manuale. In queste modalità, la fotocamera non usa il flash da sola e devi accendere manualmente il flash incorporato. Per farlo, la maggior parte delle fotocamere reflex e di sistema sono dotate di un elemento separato sull’alloggiamento. In questo momento, il flash agisce come riempimento o luce ausiliaria, e ammorbidisce le ombre dure del viso.

    Una famiglia al tramonto fotografata in controluce

    I programmi automatici non sono sempre i migliori

    Oltre al flash, i diversi programmi di scatto completamente automatici e i vari programmi per i soggetti presenti in molte fotocamere rendono l’utilizzo semplice e comodo. Possono essere una buona soluzione per i principianti, per abituarsi a maneggiare una fotocamera a sistema o una reflex. Anche se i programmi automatici di solito ottengono un buon risultato, non sempre riescono a dare il risultato sperato. Infatti i programmi automatici della tua fotocamera a volte utilizzano il flash in modo sfavorevole o non riescono a variare correttamente la profondità di campo. Pertanto, dovresti passare gradualmente dalla modalità semiautomatica a quella manuale per ottenere il massimo dalla tua attrezzatura fotografica.

    Per poter utilizzare la modalità manuale, è importante conoscere i singoli parametri come l’apertura, la velocità dell’otturatore e il valore ISO e capire come interagiscono. Quindi lavora gradualmente con i diversi programmi semi-automatici, dove puoi sempre influenzare manualmente uno di questi parametri, mentre la fotocamera regola gli altri. Quando rivedi le tue immagini, guarda anche i metadati per analizzare in quale situazione la tua fotocamera ha utilizzato i parametri e come.

    Leggi e scopri di più nel nostro piccolo glossario:

    Conclusione

    Una fotocamera di alta qualità non è una garanzia assoluta di foto buone. Come per molte altre cose, anche nella fotografia si dice: è necessario esercitarsi. Comincia dalle piccole cose. All’inizio, usa tranquillamente i programmi con i soggetti, osserva i metadati e familiarizza con i termini più importanti. Prenditi del tempo per eseguire gli scatti e non aver paura di sperimentare impostazioni e funzionalità diverse. Anche se per una volta l’impostazione è completamente sbagliata, questo è un momento importante da cui puoi imparare. Una volta completata la transizione alle modalità semiautomatiche, non manca molto per utilizzare la modalità manuale e presto sarai in grado di catturare momenti mozzafiato senza commettere errori nelle tue foto. 

    Un piccolo suggerimento:

    Per tenere traccia dei tuoi progressi, procurati un piccolo diario in cui annotare le tue esperienze, le impostazioni e i commenti - meglio ancora se sotto forma di un diario fotografico in cui puoi annotare le condizioni di luce, le impostazioni della fotocamera e molto altre informazioni proprio accanto alle tue foto! Non solo è molto pratico, ma anche piacevole per imparare o anche solo da guardare.  

    Speriamo di averti dato un po’ di ispirazione! Inoltre: ora puoi inviare in modo semplice e veloce le tue foto particolarmente belle a tutti i tuoi amici e familiari come cartolina per posta diretta utilizzando la nostra app ifolor. Prova subito!

    Altri contributi