• Giornata Internazionale della Donna: le donne più forti di ifolor

    Giornata Internazionale della Donna:
    le donne più forti di ifolor

    La Giornata Internazionale della Donna si svolge ogni anno l’8 marzo. In ifolor, la diversità è una cosa ovvia: pari diritti, pari opportunità, leadership condivisa, parità di salario e posizioni part-time per le donne sono le principali priorità. Tuttavia, questa non deve essere la fine della storia. ifolor si impegna per un ulteriore sviluppo continuo. Mettiamo in discussione i ruoli classici, promuoviamo una migliore integrazione tra lavoro e vita familiare e incoraggiamo posti di lavoro per le donne in posizioni di leadership. L’azienda lavora continuamente per abbattere le barriere e promuovere la parità di diritti per tutti i collaboratori. Superare pregiudizi e stereotipi è una missione importante per ifolor. ifolor vive una cultura della comunicazione aperta. Le preoccupazioni personali di qualsiasi tipo possono essere sollevate e discusse al fine di trovare la migliore soluzione possibile.

    Ruoli atipici

    Le classiche distribuzioni dei ruoli sono obsolete da tempo. Lo spirito che anima l’epoca attuale mira all’apertura, a imboccare nuove vie e a nutrire meno pregiudizi verso stili di vita diversi. Al lavoro, ma anche in famiglia e nel tempo libero. Chiunque può fare qualsiasi cosa. Non ci sono limiti alle attività. E cosa c’è di meglio che immortalare i propri hobby preferiti in un album fotografico?

    Dalla team leader al membro del Consiglio di Amministrazione

    Per ifolor, la parità di diritti è parte integrante della cultura aziendale e viene vissuta attivamente:

    • Donne in posizioni di responsabilità (Gruppo ifolor, Svizzera e Finlandia): ca. il 50% dei dirigenti è composto da donne nel Gruppo ifolor
    • Quota femminile di ifolor AG (Svizzera): 43%
    • Età delle donne impiegate presso ifolor AG (Svizzera): tra i 20 e i 63 anni
    • Anzianità di servizio presso ifolor AG (Svizzera): in media 10 anni (detentrice del record 32 anni!)

    ifolor offre opportunità di lavoro al passo con i tempi. Ad esempio, sono possibili posizioni part-time per le madri o i padri, così come funzioni di top-sharing nell’azienda.

    ifolor è lieta di avere Lea-Sophie Cramer a bordo come membro attivo del Consiglio di Amministrazione. Abbiamo posto tre domande a Lea-Sophie Cramer in occasione della Giornata Internazionale della Donna:

    • Qual è la tua posizione sulla questione delle «pari opportunità nella vita lavorativa» e come percepisci attualmente questa tematica (anche in ifolor)? 

    Per fortuna, gli uomini e le donne che muovono i primi passi nel mondo del lavoro godono ormai di pari opportunità nella stragrande maggioranza dei settori. Sfortunatamente, molte donne si perdono lungo la «risalita» e i quadri dirigenti rimangono spesso per la maggior parte «Boys’ Club». Vorrei che affrontassimo questo problema insieme, uomini e donne.

    In ifolor, la questione dell’uguaglianza di genere è ora al centro dell’attenzione. Questo dimostra che, con forza di volontà, le aziende possono contrastare gli stereotipi e promuovere l’uguaglianza.

     

     

     

    Foto a destra: Lea-Sophie Cramer, fotografata da Patrycia Lukas

    Lea
    • Cosa dovrebbero attuare le imprese/i datori di lavoro per abbattere i pregiudizi e creare uguaglianza?

    Auspico un mondo del lavoro flessibile e favorevole alla famiglia in cui lavoriamo 8 ore su 24 invece che dalle 9 alle 5, viaggiamo meno, incrementiamo lo job sharing e operiamo secondo gli obiettivi e non secondo il tempo. Questo non solo porterebbe ad avere più donne in posizioni di leadership, ma migliorerebbe la produttività dei team nel loro complesso.

    Le organizzazioni devono rendersi conto che introdurre una maggiore diversità nei team dirigenziali non è un’opera di beneficenza, ma un business case. Allo stesso tempo è vero che una maggiore flessibilità e un migliore equilibrio tra famiglia e lavoro non sono un problema della donna, ma della società. In ifolor, il 50% delle posizioni dirigenziali è occupato da donne. Questo dovrebbe essere una cosa ovvia, soprattutto nelle settori in cui le donne costituiscono la maggioranza dei clienti.

    Capire che noi tutti traiamo dei vantaggi quando l’economia diventa più diversificata ci aiuterà ad affrontare i cambiamenti necessari – dalla flessibilità alle iniziative di supporto fino alla formazione sui pregiudizi inconsci – con più pressione per l’attuazione.

    • Quali consigli e suggerimenti puoi dare alle donne che vogliono fondare un’impresa o conciliare carriera e famiglia?

    Agisci nel modo più naturale possibile. Hai il diritto di sederti a questo tavolo, dire cose intelligenti ed essere ascoltata. Noi come donne dobbiamo irradiare questa autoconsapevolezza al 100%! Se non diamo per scontato di detenere posizioni di leadership, chi lo farà?

    Se vedi un’opportunità e vuoi coglierla, coglila! Se, per precauzione, pensiamo sempre a tutti gli scenari nei minimi dettagli, non spiccheremo mai il volo. Spesso il coraggio è il più grande trampolino di lancio.

    A volte ho l’impressione che siamo più emancipate nella sfera professionale che in quella privata. Perché la libertà di affermarsi sul lavoro non dipende solo dal superiore, ma anche molto dal modo in cui organizziamo la nostra vita – da come viene distribuito il lavoro di cura o come definiamo la vita di coppia e la genitorialità condivisa. Questo include anche richiedere al datore di lavoro i modelli di lavoro necessari e la capacità di viverli con la necessaria naturalezza, che si tratti di top-sharing o anche di altri modelli di lavoro che permettono alle persone con famiglia di continuare a cogestire un’azienda.

    Inoltre, Lea-Sophia Cramer ha confermato nella sua seguente dichiarazione che siamo sulla strada giusta:

    «In ifolor, la questione dell’uguaglianza di genere è ora al centro dell’attenzione. Questo dimostra che, con forza di volontà, le aziende possono contrastare gli stereotipi e promuovere l’uguaglianza.»

    Nella fase di ascesa: con womenmatter/s

    womenmatter/s si occupa intensamente del tema della promozione delle donne e della carriera. Condivide attivamente la sua vasta conoscenza e la sua profonda esperienza, di cui le donne ambiziose e interessate possono beneficiare. In questo modo, si sono sviluppati uno scambio aperto e una forte comunità che si consolidano e si sostengono reciprocamente. Per ifolor, è il partner ideale per unire le forze per la Giornata Internazionale della Donna. Quindi assicurati di dare un’occhiata al Blog-post di womenmatter/s per suggerimenti su come sorprendere le donne nella tua sfera di influenza per la Giornata Internazionale della Donna.

    Nella fase di ascesa: con womenmatter/s
    Nella fase di ascesa: con womenmatter/s

    Molte donne affrontano questioni, sfide o sogni simili. Non è sempre facile gestirli in modo adeguato. womenmatter/s ha sollevato argomenti importanti e fornito suggerimenti ad hoc.

    Come posso trovare la mia vocazione?

    • Definisci il tuo sistema di credenze: è la base di tutte le tue decisioni. Perché fondamentalmente è una visione che ti crei del mondo. Quindi ciò che generalmente credi sia vero, senza averne alcuna prova concreta. I sistemi di credenze sono spesso legati alle opinioni religiose.
    • Prendi coscienza dei tuoi valori fondamentali: si basano sul tuo sistema di credenze. I tuoi valori sono cose che consideri importanti, come ad es. «onestà», «educazione» o «lealtà».
    • Scopri la tua passione: cosa fa scattare la tua scintilla? Cosa ti ispira? Non si tratta di risolvere i problemi energetici del mondo (ma se sei quella persona, complimenti!), bensì di identificare le passioni che si adattano alla tua persona e al tuo percorso professionale.
    • Definisci i tuoi talenti: se la tua passione è il giardinaggio, ma non hai il pollice verde, allora sarà difficile fare carriera nell’orticoltura. Quindi, se ami quello che fai ma non hai le capacità, allora potrebbe essere meglio mantenere tale attività come un hobby.
    • Prendi coscienza delle tue capacità e competenze: in cosa sei sempre stata brava? Sei una vera regina della comunicazione e ti destreggi con abilità con le parole? Sei brillante nei dettagli e brava a eseguire progetti con una precisione che altri trovano noiosa? Sei creativa e abile per natura a sviluppare soluzioni che vanno oltre gli schemi? Benissimo, annota tutto.
    • Idealmente, troverai il punto in cui il tuo talento e le tue capacità naturali incontrano la tua passione personale – in base al tuo sistema di credenze e ai tuoi valori. Cerca di formulare esattamente questo punto in una o al massimo 2 frasi. A questo punto sei nel TUO elemento. Non solo sei più produttiva, ma crei anche valore aggiunto e godi di maggiore realizzazione personale e professionale. E questo ha un effetto positivo sulla tua salute psicologica. Inoltre, è spesso dove tendi a fare più soldi nel tuo percorso di carriera!
    • Pensi allo scopo! Ogni inizio è difficile, ecco perché womenmatter/s ha creato il Freebie Purpose per lei.

    Come posso potenziare la mia crescita professionale?

    • Impara a delegare in modo efficiente: otterrai molto di più se non ti incaponisci a far tutto.
    • Lavora sulle tue capacità di comunicazione diretta: la comunicazione è tutto.
    • Cerca la collaborazione con un team interfunzionale: questo è l’unico modo per incontrare nuove persone, espandere la tua rete e aumentare la tua visibilità all’interno dell’azienda.
    • Condividi i tuoi pensieri e le tue opinioni nelle riunioni: se non dici nulla, resterai inesistente per i partecipanti alla riunione.
    • Investi in te stessa: iscriviti a un webinar, a un corso di perfezionamento o al nostro programma WOMENTORING
    • Pianifica una riunione ogni due settimane con il tuo capo: in questo modo puoi ottenere consigli, ma anche mostrare su cosa stai lavorando e posizionarti di conseguenza.
    • Se ha ancora bisogno di aiuto per fissare i suoi obiettivi, allora scarichi subito la guida per fissare gli obiettivi di womenmatter/s.

    Come mi devo comportare a un evento di networking?

    • Metti da parte i tuoi preconcetti sul networking. Fare rete non significa NON lavorare!
    • Non stare solo al tavolo dell’aperitivo con la tua migliore amica. Nessuno ama le persone appiccicose. Duro, ma vero!
    • Apriti attivamente agli altri. Siamo tutti sulla stessa barca: la gente te ne sarà grata.
    • Mostra un interesse genuino per la tua controparte. Riconosciamo tutti un sorriso finto, non ti si addice!
    • Non parlare solo di te stessa, ma ascolta attivamente. Certo, è bello quando gli altri si interessano a te e a quello che fai. Ma avrai maggior successo se sei interessata agli altri e a quello che fanno loro. Questo, tra l’altro, è uno dei motivi per cui gli introversi sono buoni networker quanto gli estroversi.
    • Non fare rete con chiunque. Pensa in anticipo a chi potrebbe essere presente all’evento e poi punta alle persone con cui vuoi parlare. La qualità prima della quantità!
    • Può trovare i consigli giusti nel freebie di womenmatter/s sul networking.

    Sei interessata a ciò che womenmatter/s ha da offrire o vorresti unirti alla sua rete? Allora dai un’occhiata alla sua pagina web, Instagram o Linkedin.

    Donazione in occasione della Giornata Internazionale della Donna

    Al fine di sostenere le donne la cui situazione è a volte un po’ più tesa o difficile, ifolor vorrebbe lanciare un segnale. In occasione della Giornata Internazionale della Donna nel 2022, ifolor ha deciso di donare 1 CHF per ogni ordine aDAO (organizzazione mantello delle case di accoglienza per donne maltrattate in Svizzera e Liechtenstein). Purtroppo, anche al giorno d’oggi ci sono situazioni molto difficili per le donne o donne che non hanno una casa sicura. Pertanto, queste organizzazioni sono particolarmente importanti e le donne in situazioni di emergenza dipendono da loro.

    Qui troverà informazioni sulla promozione.

    Grazie ai numerosi ordini effettuati tra l'8 e il 10 marzo 2022, è stata raccolta e consegnata all'organizzazione una donazione di 4500 CHF. ifolor è felice di poter dare un contributo a donne e bambini bisognosi.

    Altri contributi