Un giovane uomo al computer archivia le foto

Organizzare e archiviare le foto digitali

Pieno controllo sulle proprie foto

Con l'avvento delle fotocamere digitali e degli smartphone, la quantità di foto che scattiamo è aumentata significativamente. Per mantenere il pieno controllo su questa immensa mole di foto, organizzatele secondo un criterio chiaro e preciso e salvatele immediatamente in un unico posto. Non è difficile come potreste pensare, al contrario! Vi mostriamo come organizzare al meglio i vostri scatti, così da non perdere mai di vista le foto realizzate nel corso del tempo.

Organizzare le foto digitali: tutti gli scatti in un unico posto

Pensate alla varietà di dispositivi su cui ormai si trovano le foto che scattiamo. Computer, schede di memoria della fotocamera, smartphone o Cloud. Per non parlare delle foto ricevute via email dagli amici. Raccogliere tutti questi scatti e salvarli in un unico posto ha degli ovvi vantaggi. Sia che si tratti di una cartella del vostro pc, che di un servizio di Cloud.

Consiglio

Molte fotocamere digitali salvano le foto già suddivise per cartelle, basandosi sulla data in cui sono state scattate. Questa funzione alleggerirà di molto il vostro lavoro di selezione e smistamento delle foto.

Per ottenere una struttura chiara, vi consigliamo di organizzare le foto in ordine cronologico. Scaricatele sul vostro PC e poi smistatele nelle rispettive cartelle. Rinominate le cartelle non solo specificando la data in cui sono state realizzate le foto, ma aggiungete anche un nome che indichi il tema o il luogo dello scatto. Le foto delle ultime vacanze in Spagna, ad esempio, potrebbero essere archiviate in cartelle rinominate così: “2019/07_Ibiza”. Con questo sistema sarà molto più facile ritrovare gli scatti anche con il passare del tempo, quando i ricordi saranno meno vividi.

Taggare le foto

Per una soluzione ancora più elegante, potreste attribuire alle vostre foto delle parole chiave, i cosiddetti tag, aggiungendoli semplicemente gli altri metadati. Potete taggare una singola foto, o tutte quelle presenti nella cartella così come la cartella stessa. Le tag vi aiuteranno a ritrovare facilmente le vostre foto, a prescindere dal tipo di file e dal nome della cartella, tramite la data, il luogo e il contenuto. Gestite le vostre foto facilmente in Windows Explorer (Aggiungi tag)) o in Mac Finder (Informazioni).

Modificare gli scatti direttamente dal display della fotocamera in modo da ridurre il lavoro di fotoritocco

Prestare attenzione alla quantità

Grazie ai grandi display di cui sono ormai dotate le fotocamere digitali e gli smartphone, le foto possono essere controllate immediatamente, ancora prima che vengano scaricate. Cercate di conservare solo gli scatti davvero ben riusciti. La soluzione migliore è quella di guardare subito le foto realizzate, direttamente dal display, cancellando immediatamente quelle venute mosse, sfuocate, sovraesposte o che, per un qualsiasi motivo, non vi convincono. Una seconda procedura per selezionare e ridurre il numero delle foto verrà poi fatta sul PC (in modalità anteprima), prima dell’importazione, o dopo, quando sono già state scaricate.

Consiglio

Avete in programma una serata di proiezione diapositive? Per evitare che questo momento si trasformi in un incubo per i vostri invitati, selezionate un massimo di 10-12 foto per ogni motivo, scena o viaggio. La qualità, in fondo, conta più della quantità.

Elaborare la foto come i veri professionisti – Come farlo gratuitamente con Mac e Windows

La quantità di programmi a disposizione per la gestione delle foto è praticamente infinita. Se non volete limitarvi ad organizzare e archiviare le vostre foto, ma volete anche modificarle e ritoccarle, allora dovreste scegliere con cura il software da utilizzare.

Programmi standard per gestire le foto digitali

La app «Foto» per Mac, così come «Foto» di Windows e «Google Foto» possono ormai essere considerati dei programmi standard, già preinstallati sulla maggior parte dei computer in vendita.

La app foto per iMac o MacBook

Oltre all'organizzazione delle foto, la app «Foto», già presente su tutti gli iMac o MacBook, offre la possibilità di realizzare prodotti fotografici, come album, biglietti o articoli simili. Cliccate sul simbolo del «più» che si trova nel menù (sulla sinistra della app), accanto alla parola «Progetti». Se avete già scaricato ifolor Designer, avrete accesso ai prodotti fotografici tramite la app «Foto», con la possibilità di gestirli e realizzarli direttamente da qui.

Google Foto come funzione automatica di backup

Se si parla invece di sicurezza di dati, Google Foto è il software che offre maggiori certezze e, grazie al suo backup automatico, assicura un buon livello di sicurezza per le foto salvate sullo smartphone. Potete anche decidere se volete realizzare un backup in tempo reale o se attivarlo tramite collegamento WLAN. In caso di smarrimento del vostro smartphone, non perderete nulla, dal momento che le foto si trovano già salvate sul Cloud di Google. Google Foto, purtroppo, non mette a disposizione anche un’applicazione desktop. Potete comunque avere accesso alle vostre foto tramite il browser del vostro PC.

Consiglio

Programmi come VisiPics scansionano il vostro disco rigido e cercano scatti doppi o molto simili.

Ashampoo Photo Commander

Ashampoo Photo Commander è un programma di gestione delle foto. Dotato anche di una serie di strumenti per il fotoritocco, è in grado di realizzare una presentazione di diapositive o di creare dei collage. Questo programma è perfetto per eseguire modifiche in batch o per la gestione delle immagini tramite geotagging.

JPhotoTagger

Il software open source, JPhotoTagger, è un programma di pura gestione delle foto, con il vantaggio di poter essere utilizzato su differenti sistemi operativi.

Programmi a pagamento – Indicati per i professionisti

Questi programmi a pagamento offrono una vasta quantità di funzioni, per Windows e Mac, e sono quindi pensati soprattutto per i professionisti. Oltre ai tradizionali strumenti per la gestione delle foto, un buon programma di fotoritocco deve, per prima cosa, includere il convertitore RAW.

 

ACDSee Photo Studio

ACD Systems è sicuramente uno dei migliori software presenti sul mercato, grazie alle ottime prestazioni dimostrate in svariati ambiti. Grazie alla app per smartphone e tablet, potete facilmente sincronizzare i vostri dispositivi e avere tutti i vostri scatti sempre con voi. Le foto vengono suddivise in una struttura a cartelle. Nonostante l'innovativa modalità con cui vengono facilmente attribuiti i tag e altre categorie, il programma non si discosta molto dalla concorrenza, mentre per quanto riguarda i filtri, gli effetti speciali e le modifiche in batch, dimostra di essere uno dei migliori sul mercato. Attualmente ACDSee Photo Studio può essere acquistato per circa 72,95 CHF.

Consiglio

Il programma offre anche delle versioni di prova gratuite, che possono essere utilizzate per un lasso di tempo limitato.

Lightroom

Questo sfaccettato programma offerto da Adobe merita di trovarsi in cima alle preferenze dei professionisti. Il fotoritocco è più che soddisfacente e garantisce ottimi risultati. Tramite il geotagging, per data o tag, la gestione e la suddivisione delle foto riesce a rispondere ad ogni tipo di gusto e preferenza (varia ovviamente in base alla versione acquistata). Il suo punto debole? Il software occupa 2 GB di memoria e questo lo rende uno dei programmi più pesanti all'interno della sua categoria. Lightroom viene venduto insieme a Photoshop e 20 GB di memoria Cloud per 11,85 CHF al mese.

Gestione e elaborazione fotografica con Lightroom

PhotoDirector

Anche la nuova versione di Photo Director ha a disposizione una gamma incredibile di funzioni. Oltre alla classica struttura per cartelle, l'indicizzazione automatica per soggetto e i tag definiti in base all'utente, il programma offre anche il riconoscimento facciale. Manca, invece, il geotagging. Oltre alla gestione delle foto, Photo Director ha in dotazione diverse funzioni di fotoritocco, come la correzione della prospettiva. Permette anche di realizzare foto panoramiche. È possibile comprare la licenza del programma per 99,99 CHF.

Tutti e tre questi programmi non prevedono il salvataggio delle foto nel loro personale database, permettendovi di risparmiare memoria.

Consiglio

Ricordate che non si può ottenere tutto e subito. Procedete per piccoli passi e iniziate a fare pratica. Col tempo, quello che vi sembrava difficile diventerà routine.

Mettere in sicurezza le foto: il backup

Per evitare il rischio di perdere le foto, ci sono due soluzioni. La prima è quella di realizzare regolarmente un backup su un disco esterno. La seconda è di salvare le foto su Cloud. Il vantaggio di quest’ultima soluzione: tutte le foto possono essere sincronizzate in automatico, senza bisogno di un ulteriore software. In questo modo non dovrete più eseguire manualmente il backup. Dall'altra parte, un servizio di Cloud ha un costo continuo, che varia ovviamente in base allo spazio di memoria di cui avete bisogno. Molti servizi di Cloud, però, offrono anche una versione gratuita.

Se siete degli assidui utilizzatori dei servizi di Cloud, allora è importante che vi informiate per bene sulle condizioni d'uso. La sicurezza dei dati e delle vostre informazioni personali è un aspetto da non sottovalutare.

Consiglio

Salvate sempre le vostre foto su un disco esterno. Se poi volete accedere ai vostri scatti anche durante un viaggio, potete ricorrere ad un servizio aggiuntivo di Cloud.

Se volete avere la certezza di conservare per sempre i ricordi a cui siete più legati, non vi resta che realizzare il classico album fotografico. Potrete sfogliarlo negli anni avvenire, rivivendo insieme ai vostri cari i momenti che hanno scandito la vostra vita insieme.

Conclusioni

Anche se all'inizio vi potrà sembrare un lavoro lungo e faticoso, una volta preso il ritmo con il nuovo metodo di gestione, inizierete ad apprezzarne i vantaggi. Il tempo risparmiato potrà essere investito in un obbiettivo più importante: far risaltare a pieno i vostri scatti e trasformarli in veri capolavori!

Altri contributi