Contributo ospite - originariamente pubblicato su anyworkingmom.com

Natale e le famiglie allargate

Natale e le famiglie allargate

"Sono proprio felice quando arriva gennaio", mi ha detto un'amica un paio di giorni fa.

"Terrore da calendario dell'avvento?", ho detto io.
"Stress da pacchetti regalo? Rabbia natalizia?"

Ha scosso la testa. Ha tutto questo ed altro. Come madre non separata non avevo veramente nessuna idea di dove fosse veramente in agguato il mostro delle feste.

"Per le famiglie allargate la seconda metà di dicembre è il periodo più brutto dell'anno."

Ho versato del tè e l'ho ascoltata.

"Conosci l'iniziativa 2 x Natale? Per noi è almeno sei volte Natale."

Ha storto gli occhi. Tutto è cominciato con la separazione dei suoi genitori. Dal 1993 entrambi si rifiutano di sedersi nella stessa sala intorno all'albero di Natale. Così sua sorella e lei da sempre festeggiavano il Natale due volte, il 24 dicembre dalla mamma ed il giorno dopo dal papà.

Scaricata dall'ex

Dopo gli studi ha incontrato in ufficio il suo futuro marito. Matrimonio, figlio. Da quel momento il Natale veniva festeggiato da sua madre, da suo padre ed anche dagli suoceri pure separati. Loro si sono separati quando il bambino aveva tre anni. Ed era dicembre.

"Mia suocera mi ha chiamata ed invitata per festeggiare il Natale!"

La mia amica ha sollevato la tazza per poi rimetterla sul tavolo.

"Ma il mio ex mi ha ancora una volta scaricata. Perché altrimenti non sarebbe venuta la sua nuova compagna."

Insomma, lei festeggiava dalla sorella e con la sua famiglia, mentre il figlio e l'ex marito mangiavano il filetto di maiale in crosta dalla ex suocera. Questo mi ha raccontato la mia amica deglutendo, nonostante non avesse bevuto neanche un sorso di tè.

"Quindi è così il Natale delle famiglie allargate", ha affermato lei. "Un insieme di diverse persone e desideri, che spesso non si combinano bene tra loro."

Siamo tutti famiglie allargate!

Ho annuito e pensato.

"Ma", ho detto "di fatto tutte le famiglie sono allargate, messe insieme in qualche modo. Tutte le coppie di genitori non ne fanno parte da sempre, ma si sono conosciute e riunite per far nascere insieme qualcosa di nuovo. E non solo i legami di sangue possono essere considerati famiglia. Anche gli amici appartengono al concetto di famiglia! Lo zio Urs che è emigrato in Australia! Forse la vicina che vive sola. E la nonnina nella residenza per anziani che dimentica sempre quale regalo ha impacchettato."

"Il Natale", ho spiegato, "può essere festeggiato con tutti coloro con i quali si condivide una storia comune. Una storia con tanti stupendi ricordi e forse anche alcuni meno belli."

La mia amica ha spinto da parte la tazza ed ha riso.

"Ben detto. Ma si nota subito che tu non hai idea di cosa sia una famiglia allargata."

"Abbastanza vero", ho affermato, "ma del Natale sì!".

Volevo versarle del tè ma ha fatto cenno di no:

"Per me solo del vin brulé!"

NadiaMeier

Questa voce è stata scritta da Nadia Meier e può essere trovata anche su anyworkingmom.com.

L'articolo "Patchwork-Christmas" è stato gentilmente fornito a ifolor ispirare. Perché nello spirito di #spreadmorelove mostra: Quando l'amore gira per il mondo, le cose più folli, più eccitanti e belle possono accadere.

Altri contributi

In alto